Per una migliore visualizzazione:
Get Firefox!

Perchè coro "Casella"


Sono passati vent’anni da quando un gruppo di ragazzi decise di tentare l’esperienza del canto polifonico. Allora non pensarono solo ad una “divisa” con cui presentarsi agli ascoltatori, ma apparve loro ovvio ricercare anche un nome. Oggi probabilmente si sarebbero affidati alla fantasia e forse avrebbero un nome più originale e forse stravagante, secondo i gusti del tempo. Allora non fu così.

Ma perché riesumare un personaggio così lontano e che non aveva avuto niente a che fare con la polifonia? Infatti, prima del ‘300, quando Casella visse, la polifonia non era nemmeno in fasce. Non sarebbe stato meglio rifarsi a qualche famoso autore di canti polifonici? Ci sarebbe stato solo l’imbarazzo della scelta: Josquin dés Pres, Palestrina, Arcadelt, Animuccia, Orlando di Lasso, i fratelli Anerio… sarebbero stati felici di offrire il loro nome a un gruppo di ragazzi che volevano dedicarsi ad un’espressione musicale così gloriosa come la polifonia.

.

Pag. 1/2     <-    ->

Sito realizzato da: Francesco Caroniti


John Flaxman - "Casella"